Restauro Olivetti M24

Abbiamo 4 macchine Olivetti M24; gli interventi effettuati su di esse si sono sviluppati nell’arco di un paio di mesi.

Il primo intervento e’ stato quello di “mettere in sicurezza” le macchine, verificando lo stato delle batterie interne che sappiamo essere predisposte a problemi di perdite di acido; in effetti su tutte le motherboard abbiamo scoperto tracce di corrosione piu o meno avanzata. Le batterie sono state tutte rimosse e le schede sono state pulite e trattate contro l’ossidazione.

Una delle macchine e’ conservata nel Deposito ed e’ in attesa di restauro, essendo abbastanza particolare: e’ infatti dotata di lettore di nastri ed hard disk, montati in un apposito quanto particolare case esterno.

Circa 4 mesi fa i test su una delle macchine hanno evidenziato un problema di alimentazione apparentemente grave (rumore di scariche elettriche, odore di bruciato) che invece si e’ rivelato essere una semplice saldatura fredda su un condensatore di filtro nell’alimentatore. Nonostante la riparazione questa macchina non ha dato segni di vita; abbiamo appurato che la scheda madre e’ difettosa, forse a causa della perdita di acido dalla batteria, che deve aver corroso alcune parti interne e compromesso la funzionalita’.

Oggi invece, insieme ad Alessandro abbiami sistemato gli altri due M24. Il primo e’ stato montato in configurazione floppy disk + hard disk MFM da 20 MB con sistema operativo MS-DOS, ed il secondo in configurazione doppio floppy e scheda emulatrice Olivetti M20, dotata di secondo microprocessore Zilog Z8000. Il sistema si avvia con il PCOS 1.0 Olivetti, di cui abbiamo i dischi originali.

Abbiamo avuto invece problemi con un hard disk mfm Seagate ST-225 che supponiamo contenesse programmi sotto sistema PCOS; purtroppo, dai test effettuati col diagnostico Olivetti, sembra che la traccia 0 di questo disco sia rovinata, quindi difficilmente recuperabile a meno di qualche miracolo…  Sarebbe fantastico poter recuperare questi dati! 🙂

 

Lascia un commento